(+39) 0131 240180
info@flarkomed.it

L’utilizzo del laser sulla pelle scura (fototipo 4, 5 e 6) è un argomento molto discusso, c’è chi dice che si può fare, chi dice che è assolutamente infattibile e chi dice che si può fare ma con delle accortezze ben precise.

Abbiamo raccolto le domande più gettonate sull’argomento e in questo articolo ne risponderemo alla maggior parte cercando di essere i più esaustivi possibile.

Come funziona il laser? Quali sono i rischi di un trattamento scorretto?

Il laser per l’epilazione, come forse già sai, viene attratto dal colore scuro del pelo a contrasto con il colore più chiaro della pelle; il colore di entrambi è definito dalla MELANINA.

La melanina è presente naturalmente in tutti i fototipi (colore della pelle) anche quelli più chiari, i raggi del sole non fanno altro che attivare la melanina che regalerà un bel effetto abbronzato alla tua pelle; Il problema di avere un fototipo elevato (sia naturalmente che dovuto all’esposizione al sole) è che la melanina della pelle entra in competizione con la melanina del fusto del pelo nell’assorbimento della luce rilasciata dal macchinario (fototermolisi), quindi, anche la pelle verrà riscaldata dall’energia del laser e nel caso ne assorbisse più del dovuto questo potrebbe provocare ustioni cutanee anche di II grado.

Altre possibili conseguenze che possono derivare da uno scorretto utilizzo del laser sono:

  • Depigmentazione, formazione di macchie più chiare nelle zone trattate;
  • Bruciature;
  • Macchie cutanee;
  • Minor efficacia del trattamento.

Ci sono delle soluzioni? Fare epilazione laser sulla pelle scura è possibile?

Nonostante i numerosi pareri discordanti, in base alla miriade di prove fatte anche presso i centri dei nostri clienti possiamo dire di si. Fare epilazione laser è possibile sia con pelle scura sia abbronzata e quindi, ne deriva, anche in piena estate!

Innanzi tutto, è richiesta un’adeguata indagine anamnestica per essere sicuri di poter operare con sicurezza sul cliente da depilare e non incorrere in reazioni fototossiche o fotoallergiche.

[Vedi l’elenco dei farmaci da tenere sotto controllo]

Per evitare il rischio di ustione su pelle abbronzata, è possibile considerare l’utilizzo di altri tipi di laser che hanno come bersaglio non più la melanina, ma il piccolo capillare che alimenta il pelo.

Oppure un laser diodo con la possibilità di regolare separatamente i parametri.

A livello estetico, un Cryolaser a due manipoli consente con facilità di effettuare il trattamento su pelle abbronzata e anche “molto abbronzata”.

Occorre in ogni caso che la pelle sia molto idratata, quindi, nel caso lo si ritenga necessario, il cliente dovrà sottoporsi prima a trattamenti iper-idratanti e, a seguire, a una cura domiciliare appropriata, sempre focalizzata sull’idratazione della pelle.

L’applicazione criogena consente di raffreddare la pelle in modo da non far percepire al cliente la sensazione di calore. Successivamente l’impostazione dei parametri deve essere fatta considerando di utilizzare una durata di impulso che consenta di applicare una frequenza non meno di 7 o 8 impulsi al secondo a bassa fluenza, in modo da essere sicuri di colpire più volte il pelo in maniera efficace fino ad ottenere la cauterizzazione del bulbo senza provocare stress cutanei alla pelle.

Durante questa operazione può essere utile raffreddare più volte la porzione di distretto che si sta trattando per assorbire e disperdere il calore generato dai vari passaggi del manipolo.

Ti consigliamo anche di leggere il nostro articolo “Come fare epilazione laser: modalità accumulativa” dove parliamo di come epilare alla perfezione una zona con una densità pilifera elevata.

Visto che sappiamo che l’argomento è lungo ed intricato, vi lasciamo il link per la nostra guida “EPILAZIONE: perché non funziona su tutti?” dove potrai trovare approfondimenti sull’argomento e il link al nostro articolo “Le differenze tra Laser Standard e Cryolaser a Doppio Manipolo” dove ci concentriamo sulla differenza tra un laser standard e il Cryolaser Flarkomed.

 

Speriamo che questo articolo vi sia stato utile, ovviamente approfondiremo l’argomento nei prossimi articoli e parleremo di altri argomenti relativi a questo;

Fateci sapere nella sezione commenti se questo articolo ti è stato utile e quali sono gli argomenti che vorresti trattassimo.

Per rimanere aggiornata/o sulle nostre novità ti invitiamo a seguirci sui nostri canali social!

Vuoi avere informazioni?

Scrivici. Sarai contattato entro 48 ore dal nostro referente di zona. Ovviamente senza alcun impegno da parte Tua!